lunedì 2 dicembre 2013

Aspettando il Natale



Quest'anno il sopraggiungere del Natale mi appare meno minaccioso. Forse perché so che non dovrò lavorare l'intero giorno del 24 e del 31 e preparare forsennatamente pacchetti quando avrei solo voglia di starmene al caldo con le persone cui voglio bene.
Oppure grazie a quel bellissimo senso di eccitazione nel pensare ad addobbare la nostra casetta, per la prima volta. Scegliere i colori, gli angoli giusti, dare un senso di calore al nostro piccolo ma accogliente appartamento.

Per lui è diverso. Ha tante preoccupazioni, tante cose cui pensare. I pagamenti in scadenza, i lavori di miglioramento per l'attività che probabilmente cadranno proprio in quei pochi giorni di chiusura, la paura che nonostante lo sforzo ciò non porti realmente ad un incremento delle entrate. La dipendente in maternità, le bollette, gli scarichi dei fornitori, il commercialista.
Io lo so che lui cerca di tenermi fuori da tutto questo per farmi vivere ancora come una ragazza spensierata. Come una bimba che guarda al Natale con occhi luccicanti. Lo vedo che non gli interessa dell'albero, delle luminarie, dei giri da fare per i regali ad amici e parenti. 
Ma questo non mi impedirà di cercare di farglielo amare comunque. Di instillargli un po' di quello spirito natalizio che per lui sembra consistere solo nelle buone cose da mangiare in quei giorni. Voglio che veda tutto come lo vedo io, anche solo per pochi istanti. 
Voglio che sia orgoglioso del nostro albero, delle mie ghirlande rosse, degli angioletti appesi. Voglio che torni bambino, che per pochi minuti si immerga dentro quel calore che spero tanto di fargli arrivare.
Si, questa deve essere la mia missione in queste due prime settimane di dicembre. Fargli dimenticare per un po' tutto il resto e addobbare la casa come se dovessi farlo entrare in un sogno, una dimensione parallela dove non esista nient'altro.

7 commenti:

  1. Che belle le tue parole. Mi piace tanto il tuo modo di concepire e vivere la casa, quella capacità che hai di renderla tua, confortevole, per te e per il tuo compagno. Chissà che atmosfera di calda e dolce intimità saprai creare.
    le preoccupazione le abbiamo tutti,ma tutti dobbiamo gioire delle piccole cose e dell'affetto dei nostri cari, altrimenti la nostra che vita sarebbe? Un abbraccio cara. vedrai che la tua casa sarà meravigliosa!Il tuo lui è un uomo fortunato.

    RispondiElimina
  2. io mi sento come il tuo lui...non c'e' entrata che c'e' sempre da tirarne fuori...e' pazzesco questo paese che ne dobbiamo solo dare.
    anche noi piccoli ristoratori che ci facciamo un mazzo ogni giorno non e' giusto.
    non ci danno nessuna possibilita' parlo per me..non ho un diritto di un assegno famigliare ne nessun bonus che altre mamme lo hanno e hanno un lavoro piu' pregiato del mio eh..


    quest anno colorero' di natale la mia casa...cancellando la tristezza che c'e' nell aria in questo periodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il momento è complicatissimo. Vorrei che si vedesse la fine del tunnel, ma la luce dov'è?

      Elimina
  3. sei innamorata, è giusto che sia così

    per me il natale è solo un'occasione per staccare. non mi ha mai importato, mai mi importerà

    RispondiElimina