lunedì 28 ottobre 2013

Finito il Week End

Fonte: Come un fiore

Sabato sera son venuti a trovarci mio fratello e mia cugina, che in realtà potrei definire benissimo mio fratello e mia sorella, anche se quest'ultima non è nata dai nostri stessi genitori.
Noi tre siamo cresciuti insieme, abbiamo giocato agli stessi giochi, partecipato alle stesse feste, condiviso la nostra vita. E se con mio fratello non sono mancati i litigi, con mia cugina non c'è mai stato motivo di screzio. Fin da piccole siamo sempre andate d'amore e d'accordo e tuttora è così.

Quando vengono a trovarci sprizzo felicità da tutti i pori. Qui nella nuova casa mi trovo bene, ma ogni tanto mi capita di provare una fitta di dolore e nostalgia per coloro che ho lasciato.
Stare tutti insieme per un giorno e mezzo mi ha seriamente fatto bene al cuore. La mia dolce metà con loro si trova altrettanto bene e quando siamo in giro tutti insieme si nota subito che facciamo parte della stessa amorevole famiglia. Che non siamo semplicemente amici o conoscenti, ma che un legame forte e viscerale ci unisce nel profondo.

Sabato mattina ho pianto a lungo. Un pianto urlato e disperato, di quelli che non mi uscivano fuori da chissà quanto tempo. Forse avevo bisogno anche di questo, sebbene non saprei dire cosa abbia scatenato quella bomba di dolore. O forse ne sono ben consapevole ma non ho voglia di ammetterlo...perché sembra una stupidaggine, e invece deve avermi scosso più di quanto osassi immaginare.

11 commenti:

  1. Bello che la tua casetta ti stia regalando la soddisfazione di ricevere le persone a cui vuoi bene, essere la padrona di casa ti lascia libera di coccolare come più ti piace

    Abbraccio forte.

    Anche a me succede di scaricare la tensione piangendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è il modo più infantile per farlo, ma anche quello più vero ed immediato.

      Elimina
  2. E' per questo che hai pianto? Perché dovevi lasciarli andare quando in realtà volevi stare ancora con loro? Io sono come te, ogni volta che qualcuno viene a trovarmi o vado io, al momento della partenza sto male. Mi fa proprio male dentro e mi sento vuota e triste per giorni. Ogni volta lasciare un luogo (in cui mi sono trovata bene) o persone è una piccola tragedia interna. Ti faccio l'esempio dell'estate. Ogni estate da quando sono nata, vengono a fare le vacanze qui al mare le mie cugine più grandi che per me sono sorelle. Quando ripartono a fine Agosto, io piango. Piangevo a 2 anni e piango ora a 33. Solo che prima potevo farlo in pubblico, ora lo faccio in bagno quando le bimbe non mi guardano. Non perché mi vergogni, ma perché è ancora complicato da spiegare e non vorrei rattristarle di più.
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, non è per questo che ho pianto. Loro non erano ancora arrivati.
      Ma capisco lo stato d'animo di cui hai parlato e fai bene a non piangere davanti a loro. Non capirebbero, e starebbero male con te. Un abbraccio.

      Elimina
  3. ti mancano e' normale..
    fatti cullare quando vengono a trovarti, sei ancora cn la testa li' dove abitavi prima..ci vuole tempo.

    RispondiElimina
  4. ma hai pianto prima che arrivasero ????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. E il pianto non ha nulla a che vedere con il loro arrivo qui. Sono due cose indipendenti, le ho messe nello stesso post solo perché capitate nello stesso range di tempo.

      Elimina
  5. Io ho lasciato l Abruzzo e mi sono trasferita al nord dove vivo ora. Se chiudo gli occhi vedo i volti dei miei cugini, i miei zii, gli amici...una rete di affetto enorme. Qui non ho nessuno... Ma ho creato la mia famiglia a cui parlo del grande amore che ho dato d ricevuto laggiù! La vita cambia e ci cambia. Non piangere e accogli come doni questi bei momenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho pianto per la loro partenza, ho pianto prima che arrivassero, per motivazioni che nulla c'entrano con la loro visita.
      Ma è vero che mi ha fatto un certo effetto vederli andare via, come sempre mi addolora. Grazie per avermi raccontato della tua partenza dall'Abruzzo. Un abbraccio.

      Elimina
  6. Invece io non ho resistito e ho pianto dopo una visita di mio fratello , quando stava per andare via.Sono stati d'animo ... qui non ho nessuno e mi fa questo effetto pensare alla loro lontananza,mi viene da piangere:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso sia normale. Ma sai, credo che dovremo trovare qualcuno cui voler bene anche qui dove siamo. Io fortunatamente ho un lavoro in cui parlo con tanta gente ma al momento sono semplici conoscenze.

      Elimina