mercoledì 2 ottobre 2013

Del Piede Infortunato, parte seconda

Fonte: inerboristeria. com


Di nuovo problemi con la caviglia destra, dopo l'infortunio del novembre passato

Ieri sera dopo il lavoro una doccia veloce, il tempo di prepararsi e siamo usciti. Neanche il tempo di scendere dalla macchina che ho preso una storta tremenda. Ho cominciato ad urlare, il mio ragazzo si è girato sorreggendomi. Per il dolore avevo quasi le lacrime agli occhi...ed un po' anche per la paura di sapere che era lo stesso punto nel quale avevo avuto problemi l'anno precedente.

Tornati a casa mi sono accorta che era leggermente gonfia. Ho applicato un antidolorifico naturale e lamentandomi un po' sono andata a dormire, dopo aver trovato finalmente una posizione congeniale. 
Questa mattina alzarsi è stato il delirio. Lui, uscito alle 5:30 per andare a lavoro, non c'era. Pian piano sono riuscita a mettermi dritta, rifare il letto, pulire i bagni, cucinare, preparare una lavatrice, rimettere in ordine piano cottura e lavandino, scendere lentamente una rampa di scale (e successivamente risalirla) per riprendere il secchio della raccolta differenziata.
Dopo aver fatto tutto questo, mi sono accoccolata sul divano munita di ghiaccio. 

E fra poco più di un'ora si cerca di andare a lavoro. Lui avrebbe voluto sostituirmi ma non me la sento di fargli fare anche le mie ore. Vado...sperando di cavarmela anche stavolta.

10 commenti:

  1. Mi dispiace per la tua caviglia, ti auguro una pronta guarigione!

    RispondiElimina
  2. Damina, spero passi in fretta....

    RispondiElimina
  3. oh, mi spiace tanto. Spero che presto tu stia meglio!

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace tanto! In questi casi ci vorrebbe una vagonata di crema all'arnica e, visto il tempo, una cioccolata o un tè caldo sul divano.
    Purtroppo col cambio clima gli acciacchi si sentono (io ho rotto entrambi i polsi e mi fanno male in questi giorni).

    RispondiElimina
  5. accipicchiola...
    spero guarisca presto, non trascurarti

    RispondiElimina
  6. e ma cazzo, non dovevi lavorare, nè in casa nè fuori !

    RispondiElimina
  7. Grazie amici ed amiche, siete dolcissimi.
    Francesco hai ragione, ma ho un senso di responsabilità che va oltre tutto quanto. A volte me ne pento, questa volta no. Oggi per fortuna va meglio, la mia fatica maggiore è scendere le scale.

    RispondiElimina
  8. Ti capisco e approvo in pieno il tuo comportamento. Una mia amica ha subito un delicato intervento e, appena uscita dall'ospedale, seppur piena di punti, e ancora dolorante ha riaperto il negozio. Un abbraccio, mi dispiace per il tuo piede, guarisci presto!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Irene. E' sempre un piacere rileggerti. Un bacino alla piccola Nenè.

      Elimina