sabato 23 marzo 2013

Padre e Figlia

Fonte: vitadamamma. com

Vorrei saper essere diversa. Riuscire a comunicargli tante cose, ad abbracciarlo, a ringraziarlo di quanto sta facendo per me e per noi.
E invece non ne sono capace.
E so che un giorno me ne pentirò e mi sentirò male per tutte le occasioni mancate. 

Lui invecchia ed io non so fare altro che volgere lo sguardo dall'altra parte. 
Non sono capace di aiutarlo, di dimostrargli l'affetto che merita e che provo. Preferisco far finta di nulla, indossando quella pessima corazza nella quale sembro un essere spietato e malvagio che dà tutto per scontato.

In realtà mi meraviglio ogni volta del suo essere presente, dei sacrifici di cui ogni giorno mi dà prova diretta. Tutto questo un giorno mi mancherà tremendamente perché se c'è una persona dalla quale mi sono sempre sentita immensamente amata e protetta quella è mio padre. 

Questa mia incapacità affettiva mi sta dilaniando. Ne sono cosciente da anni e non c'è stato modo di risolvere: non sono mai riuscita a superare lo scalino. Quello scoglio che mi impedisce di avvicinarmi, abbracciarlo, dirgli che gli voglio troppo bene.

Piango mentre scrivo e mi sento un essere abominevole incapace se non di amare, quanto meno di dimostrarlo. Chissà com'è che lui mi vede da fuori. Non mi sento di meritare il suo amore, la sua sollecitudine, le sue continue preoccupazioni.
Io sono quella che sa solo sbuffare nei mille momenti in cui mi addossa nuove ansie, senza fargli capire che fondamentalmente comprendo che lo fa per proteggermi dagli imprevisti e dal mondo.

Si, vorrei davvero essere diversa. Se solo ne fossi capace.
Forse è vero che gli abbracci si insegnano da piccoli.

11 commenti:

  1. Questo post non riesco a commentartelo....

    RispondiElimina
  2. Mai dare per scontato l'affetto dei genitori.
    Daglielo, quell'abbraccio.
    Se non lo farai o lo farai quando sarà troppo tardi, lo rimpiangerai per tutta la vita.

    RispondiElimina
  3. Da sempre penso come te "che gli abbracci si insegnano da piccoli" a me non l'hanno insegnato, ma adesso lo sto facendo con Prince e Fr@.
    Nemmeno io li mai abbracciati e detto ti voglio bene, nonostante con mio papà un pochino in più mi sentissi portata.
    Beh adesso sì, adesso lo faccio, lo bacio lo accarezzo e gli tengo la mano, certo forse non doveva arrivare la sua malattia per farmelo fare ed io avrei voluto continuare a non farlo se questo poteva significare che lui fosse come prima.
    Quando sarà il momento di far pace con questo tuo tormento interiore verrà naturale e sarà bello, inutile farlo a forza lui lo capirebbe.

    RispondiElimina
  4. Un genitore non sa far altro che amare il proprio figlio in maniera incondizionata.
    Sono sicura che tuo padre, in cuor suo, sa quanto lo ami e che persona sensibile tu sia. L'amore è sempre amore, anche senza fisicità.

    RispondiElimina
  5. @Francesco mi spiace, ma non fa niente, non c'è problema. Buona serata.

    @Irene mai dato per scontato il suo.

    @Agrimonia sono felice che ora tu riesca a farlo e nonostante la malattia, io sono certo che lui sia immensamente contento di questo cambiamento in te. Ti abbraccio forte.

    @Federica credo lo sappia, ma non dimostrarglielo è davvero brutto. Me ne rendo conto, ma non so rimediare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è troppo intimo.... ogni parola sembrerebbe poco

      Elimina
  6. Hai un sospeso col tuo babbo?
    Io non so se... sarebbe troppo intimo parlarne qui.
    Qualche anno fa partecipai a corsi avanzati di miglioramento personale e i più potenzianti, il più potenziante di esso si basava anche sul psicodramma collettivo.
    Sempre in quei corsi ebbi la grazia di comprendere che l'amore per le ns radici, anche comprendendo tutti i loro errori, è uno dei fattori di buona vita più importanti.
    E' per questo che è importante anche superare i sospesi con le nostre due radici.
    Che se vogliamo bene ad esse che sono pure una carezza un abbraccio forte, un grazie per tutto quello che fai, vogliamo pure bene a noi stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun punto in sospeso, in realtà.
      Di sbagli ne ha fatti come ne fa ogni genitore ma non gli do alcun peso. Sono fin troppe le cose buone da valutare e al momento io guardo soltanto queste ultime.

      E il mio problema nel dimostrare amore non è mancanza d'amore. Su questo non ci sono dubbi.

      Elimina
  7. Come sarebbe bello se tuo padre potesse leggere queste confidenze,non so in quale modo ma spero che un giorno possa prenderne atto.

    Buone festività a te,ciao

    RispondiElimina
  8. io credo che tuo padre sappia quanto tu lo ami..

    RispondiElimina