sabato 2 febbraio 2013

Balla Coi Lupi

Fonte: ilsileno.it

Ero appena uscita dal lavoro.
Il pomeriggio aveva da tempo lasciato posto alla sera e la piazza era ormai quasi deserta. C'eravamo solo noi, lavoratori dei negozi, attardati come al solito nelle pulizie.
E poi c'era lei. Quella che tutti definiscono la Matta del Paese. 
Con le cuffiette del suo mp3 ben calate nelle orecchie, gridava frasi sconnesse ballando ad un ritmo tutto suo. Quasi febbrile, incostante, sgraziato. Non si capiva nulla delle canzoni che stava ascoltando in quelle frasi urlate a caso, di getto. 
Le auto le passavano accanto. Lei sul marciapiede, loro in strada. Tutti si voltavano. Qualcuno reprimendo un sorriso, qualcun altro suonandole il clacson.
Lei, incurante nei riguardi dell'ilarità che suscitava in chiunque la vedesse, proseguiva il suo balletto sfrenato.

Poi d'un tratto si è riscossa e come era venuta se ne è andata via. 
Mi sono chiesta chi fossero i matti. Noi, che ogni giorno seguiamo la logica degli eventi e ormai incapaci di un gesto anche solo vagamente folle.
O lei, che senza badare agli occhi degli altri, in quel ballo plateale sembrava toccare la felicità.

6 commenti:

  1. Penso sempre che essere matti non sia poi così male....puoi fare quello che ti passa per la testa e tutti diranno: "va bhè, tanto quello è pazzo..."
    Si, certo, rideranno di te, ti guarderanno male, ma non c'è soddisfazione più grande di vedere gli altri che ti giudicano e tu che continui a farglielo apposta e te ne sbatti di loro.

    RispondiElimina
  2. siamo tutti un pò matti secondo me.....

    RispondiElimina
  3. ...non hai tutti i torti!!!!
    :)
    emme

    RispondiElimina
  4. Una società difficile per chi ha integrità fisiche e mentali,figuriamoci per chi ha dei problemi,se il nostro può essere infernale a corrente alternata per loro è un full immersion,non ci sono le protezioni sufficienti e con le difficoltà economiche esistenti il trend andrà a peggiorare.

    Sulle ultime cronache caimane

    Cronache surreali del nostro momento storico,e non finiranno domani,come si dice il fondo è ancora molto profondo.

    Saluti

    RispondiElimina
  5. Sul doping nel ciclismo e in tutti gli sport

    Pulitissimo non lo è mai stato,da anni con gli interessi economici lievitati la chimica la fa da padrona.

    Ciao Dama

    RispondiElimina