venerdì 2 novembre 2012

Il Pranzo della Domenica

Fonte: scattidigusto.it

Come si organizza un pranzo con i suoceri - il primo a casa mia dopo 7 anni di fidanzamento - senza sentirsi ad un passo da un esplosione nucleare?
Per lo spavento, l'angoscia, l'ansia. Mica bagattelle. 
Ci sono situazioni che mi fanno sentire terribilmente a disagio. 
Che poi, ne son sicura, fanno sentire a disagio anche tanta gente oltre me. 
Sapere che i componenti della mia e della sua famiglia saranno all'interno della stessa stanza mi rende estremamente nervosa.

Io non sono fatta per queste occasioni formali. 
Vorrei poterle rifuggire a vita. Magari butto la pasta e nel frattempo mi dileguo con la  scusa di monitorarne la cottura. O verso il vino e corro a prenderne dell'altro. Bianco, rosso...o preferite un rosè?

Sono felice che vengano qui eppure, allo stesso modo, ho paura che escano argomenti di cui non voglio sentir parlare o altri che non amo affrontare con gli uni né con gli altri.
Ho timore dei silenzi, dei punti morti, delle classiche battute di mio padre su di me dopo le quali solitamente preferisco sotterrarmi. O incenerirmi. O mettere la testa sotto la sabbia come uno struzzo.

Se almeno potessi distrarli con un tour nel giardino fiorito di mia madre...ma no, pioverà. Dopo 6 mesi di sole ininterrotto questa domenica si prevede il diluvio. Noi rinchiusi in casa a parlare, a mangiare ( io poco, non sia mai ingrassi) , ad imbarazzarci amabilmente. 


11 commenti:

  1. li chiami suoceri.... matrimonio prossimo? .-)

    RispondiElimina
  2. Io spero che una cosa del genere non debba capitare mai. I miei più i suoi = ODDIO. Hai tutta la mia solidarieta!

    RispondiElimina
  3. pensa che io i suoceri li ho stasera a cena .. ma solo loro .. vedrai che andrà tutto bene .. anch'io ero terrorizzata al primo pranzo ufficiale con tutti (miei e suoi) ma dopo il primo imbarazzo tutto è filato perfettamente e ora sono 8 anni che siamo sposati! fai un bel respiro e facci sapere com'è andata!! baci

    RispondiElimina
  4. @Francesco no. Li chiamo suoceri perché da me è consuetudine chiamare così i genitori del fidanzato se il fidanzamento è di lunga data, come il nostro :)

    @Selli grazie!

    @katya grazie per l'incoraggiamento, un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. ciao ! spero sia filato tutto liscio,un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve ancora filare in realtà...il pranzo è domani :)

      Elimina
  6. andrà tutto bene e di solito le mamme finiranno con lo scambiarsi ricette e "sputtanarvi amabilmente" con le volte in cui da piccoli avete combinato qualcosa tipo pipì addosso! i papà si raccontano del loro lavoro e voi due finirete in cucina a guardarvi e a tirare sospiri di sollievo e studiare il modo di scappare ^____^

    RispondiElimina
  7. accidenti tesoro, volgio sapere vita morte e miracoli di questa cenetta...evvaiiiiiii. e cosa hai preparato ??

    RispondiElimina
  8. Mentre scrivo probabilmente il pranzo sarà ancora in atto. Sono sicura che sarà andato tutto benissimo, per una perfezionista quale sei tu. Certo, l'imbarazzo è normale e d'obbligo per chi ci tiene a quello che fa, perchè si vuole che tutto fili liscio.
    Fiori, pasta, tovaglia, bicchieri è tutto ok cara Sara e sarai bellissima anche tu, con il tuo sorriso smagliante, soddisfatta di aver condiviso col cuore, una domenica di ordinaria ansia ma di grande soddisfazione :-)
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  9. Grazie ragazze :) siete dolcissime, davvero. E visto che siete così meravigliose ve lo racconto con un post come è andata. Intanto vi mando un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Mh
    Conosco.
    Mettere insieme le rispettive famiglie è... ecco, come se fosse un motore non oliato, un meccanismo che gira con fatica o non ne vuol sapere di girare. Ora leggo la parte 2.

    RispondiElimina