lunedì 15 ottobre 2012

Un Giorno, di David Nicholls

Fonte: Google

Sabato ho terminato di leggere Un giorno di David Nicholls. 
Questo libro è un regalo, seppur un regalo su richiesta. Desideravo leggerlo da ancora prima che uscisse il film, che non riuscii neppure a vedere, tra l'altro. Mia zia mi chiese un titolo che mi interessava e dopo qualche mese eccolo qui. Grazie zia!

Come tutte le storie d'amicizia e d'amore ben scritte mi ha commosso.
Nella sua prima metà mi ha anche fatto un po' arrabbiare. Non riuscivo a concepire come due amici come Emma e Dexter - i protagonisti - riuscissero a vivere separati. Pur pensandosi sempre, pur capendosi al volo, pur essendo di sicuro migliori insieme che presi singolarmente. 
Pur avendo un'affinità sorprendente essi vivevano da amici e sembravano aver accantonato l'idea di stare insieme come qualcosa di più. Lei alle prese con una carriera lavorativa che non riusciva a decollare, lui con la fama, l'alcool ed il sesso.

Solo intorno ai 35 anni comprendono il potenziale della loro storia e vi si lasciano andare.
Ed è amore. Amore vero e bellissimo che travalica la morte prematura di uno dei due. La trascende, come se non fosse davvero più possibile vivere l'uno senza l'altra. E' un amore che arriva solo al momento di maturare, come se la strada fatta prima fosse solo servita a farli arrivare fin lì.

Quel che più apprezzo di quest'opera è proprio l'intensità dei sentimenti, oltre al fatto che sia stato davvero ben scritto e ideato. E' uno di quei libri che vuoi portare alla fine e in cui forse un po' ti identifichi anche, perché ognuno di noi ha avuto o avrà una persona al mondo a cui voler altrettanto bene e con cui intrattenere un rapporto esclusivo, unico ed irripetibile.
Un rapporto che ci migliori e ci completi.
Un libro che ti spiace abbandonare perché ti sei affezionata a quei due e non vorresti doverli lasciare.

Si, questo libro è un regalo. In tutti i sensi.

9 commenti:

  1. Non mi piacciono le storie d'amore, mia cara. Decisamente non fanno per me.
    Ma per te sì. Ti auguro di cuore di vivere il tuo amore con la stessa intensità e pienezza di questo sentimento che tra le pagine di un libro ti ha tanto emozionato.Un affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Possiamo non cakomollizzarci quando i sentimenti e il vivere sono così? :)

    RispondiElimina
  3. Devo comprarlo, visto il genere mi piacerà senz'altro!!!

    RispondiElimina
  4. io ho letto un libro a cui ho dato voto "ZERO"! ti giuro, zero! non leggevo una roba così immonda da anni!!!!

    RispondiElimina
  5. @Irene io mi auguro di viverlo meglio, a dire il vero. Ma grazie comunque :)

    @UnUomo.InCammino eh? questa me la devi spiegare! :)

    @Ely si, io penso di si.

    @Francesco ma povero! odio i libri da zero che non ti lasciano niente e magari scritti anche con i piedi...

    RispondiElimina
  6. ovviamente il libro è smepre più bello, ma sono curiosa di vedere il film uscito mesi fa, ne avevamo aprlato abbastanza bene

    RispondiElimina
  7. Mi fido del tuo parere su questo libro,voi donne siete mediamente più lettrici di noi,le storie e il destino si rivelano a volte di difficile interpretazione,e nei sentimenti si complicano ancora di più.

    Sugli sprechi alimentari da Freedom

    Senza dubbio i soldi mancano e gli acquisti alimentari sono ridotti,ma gli sprechi sono reali e se le famiglie ancora non gestiscono nel miglior modo gli alimenti,sono le catene di distribuzione a gettare in discarica parecchi prodotti che potrebbero essere molto utili per chi ha fame.

    Ciao

    RispondiElimina
  8. il film non è male, ma... non so, Dex non è abbastanza decadente, e Em... boh.
    ho preferito il libro, non ne sapevo niente a livello di trama (e quella cosa che dici non la scriverei, perché se non arriva inaspettata, l'impatto sul lettore non è lo stesso), mi ha devastata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film spero di vederlo prima o poi ma sono certa che non mi farebbe lo stesso effetto del libro. Come spesso accade...

      Elimina