martedì 25 settembre 2012

Aggiornamento Cibo Senza Sale

Fonte: tuttasalute.net

Per motivazioni di salute ho trascorso l'estate mangiando senza sale ed eliminando tutti quegli alimenti già salati in partenza (niente crackers, formaggi, prosciutto, insaccati di qualunque genere, snack, biscotti, cibo pronto, pane tradizionale, pizza e tutto quello che vi viene in mente). Ne ha giovato il mio portafogli perché non sono mai neppure potuta andare a cena fuori o accontentarmi di un tramezzino veloce al bar. Si è reso necessario cucinare tutto da parte, in piccole dosi perché ero (e sono) anche a dieta. 

Le prime due settimane sono state complicate. Nulla mi sembrava avere sapore, niente mi appariva commestibile. Dopo i primi 15 giorni le cose sono nettamente migliorate. La carne senza sale è buonissima, persino migliore di quella col sale (che infatti avevo sempre mangiato controvoglia e per non sentire le urla di mia madre). La pasta se condita con un sugo leggero di pomodorini, aglio e basilico ha un suo perché. La verdura è tutto sommato mangiabile, ad eccezione dei piselli che senza sale hanno un sapore dolciastro che dà il voltastomaco. Il riso è stato una scoperta.
Di sicuro mi sono mancate molte cose. Trascorrere un'intera estate senza assaggiare una coppetta di gelato mi ha intristito un pò, ma ancor più mi è dispiaciuto passare la settimana di ferie sempre in casa, senza mai poter cenare fuori in certi bei ristorantini all'aperto. E la pizza con impasto senza sale è davvero deprimente, tanto vale rinunciarci (come poi ho fatto, abbandonando l'idea dopo un paio di prove andate male). 

Ieri sono tornata dalla dottoressa. Mi ha misurato la pressione...ed era identica a quando ho iniziato la dieta iposodica. Che sconforto! Due mesi di cibo da ospedale per poi scoprire di non aver avuto il benché minimo beneficio da questo punto di vista. Certo ora ho due gambe che prima me le sognavo...il ventre piatto e completamente sgonfio. Ma dove sono i risultati che speravamo di ottenere sulla mia pressione? non ce ne sono stati. Così mi ha reintrodotto il sale. Proviamo un'altra strada, che mi piace ancora meno. Per 15-20 giorni devo assumere un farmaco che non ho ancora avuto il coraggio di aprire. Lo guardo sulla mensola e mi dico che è meglio aspettare un pò.
Lei dice che potrei avere degli effetti collaterali, anche gravi, e in tal caso di stoppare immediatamente. Ecco, io piuttosto non la prenderei affatto quella pillolina. 

E nonostante mi abbia reintrodotto il sale, ormai sono così abituata all'idea di questa stramba alimentazione che continuo a praticarla. Non rinuncerò più ad andare al ristorante ogni tanto, diciamo una volta al mese, ma quando sono in casa preferisco ancora mangiare senza sale. Sebbene i risultati sperati sulla pressione arteriosa non si siano manifestati, in generale mi sento meglio, più vitale.

Le ho anche detto che desidero continuare la mia dieta per perdere ancora un paio di chili e lei mi ha dato l'ok dicendo che "sono quasi perfetta". Una bella spinta a proseguire in questo tunnel di rinunce che dopo un pò non sembrano neppure più tali. 


15 commenti:

  1. una mia amica ha preso fino a qualche tempo fa farmaci per la pressione non ti dico quanto ce l aveva...e' finita pure all ospedale...ha preso i suoi farmaci e si e' regolarizzata.
    ora non ci crederai anzi lei mi ha detto che non ci crede, e' rimasta incinta e la pressione e' perfetta..casi della vita.
    potrebbe anche essere un periodo il tuo..sei sotto stress?

    RispondiElimina
  2. L'ipertensione (e altre forme "contrattive", ipertoniche) sono spesso dovute a mancanza di magnesio, che è uno dei problemi per molte persone, dovute ad una dieta squilibrata.

    Qui ad esempio


    http://www.stresseansia.it/pagine.php?Id=48

    RispondiElimina
  3. il problema della pressione non è mai da sottovalutare però...prova a prenderla la pillola della pressione e poi vedi come va

    RispondiElimina
  4. mi dispiace per la pressione, però sentirti meglio secondo me è il primo passo per vivere la tua vita in maniera diversa e più naturale. Trovi una tua dimensione e il dover rinunciare dà senso a tante cose, te in primis.

    RispondiElimina
  5. @Anna chi non lo è al giorno d'oggi? e in questo periodo lo sono in particolare, è vero.

    @UnUomo.InCammino la mia non è ancora ipertensione ringraziando il Cielo. Non ho una pressione altissima, diciamo che sono in una fase pre-ipertensiva, che preoccupa la mia dottoressa in quanto i miei genitori sono entrambi ipertesi. Leggerò il tuo link, grazie di cuore per avermelo passato.

    @Makeupnonsolo lo so...accidenti se lo so :(

    @Who is? già mi sento meglio, infatti credevo di aver anche regolarizzato la questione...e invece no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il magnesio è fondamentale in numero elevato di funzioni fisiologiche. In Italia abbiamo una dieta molto sbilnaciata su calcio e sodio ed in genere scarsa di magnesio.
      Una delle proprietà del magnesio è quello di favorire elasticità dei tessuti e questo vale anche per il sistema vascolare (e cardiaco): capillari, vene ed arterie in scarsità di magnesio diventano rigidi, atrofizzati e poco flessibili e queste proprietà fisiiologhce si possono ristabilire con un'integrazione di magnesio.
      Non tutti i medici hanno questa sensibilità / conoscenza.

      Elimina
    2. In effetti la mia dottoressa non l'hai mai neppure nominato. Immagino dovrò cavarmela da sola col magnesio.

      Elimina
    3. Non di rado questò è un limite quasi strutturale di molti allopati ovvero di persone che si basano su terapie che intervengono direttamente e farmaceuticamente sui sintomi delle malattie. La prima a consigliarmi (anche) il magnesio fu una brava omeopata che mi risolse (cambiando l'alimentazione) una sinusite cronica.
      Ecco che andando alle cause si ottengono delle vere e proprie guarigioni e non semplici regressioni, spesso temporanee, dei sintomi.

      Elimina
    4. Qui di omeopati non ce ne sono, dovrei girar parecchio e in un momento come questo mi è impossibile, ho altre "preoccupazioni" che mi tengono sul posto. Ho sempre pensato di voler provare ma non ce n'è mai stato modo. Finora.

      Grazie per i consigli :)

      Elimina
  6. oh che tristezza mi spiace .. sarebbe stato bello poter migliorare la situazione senza troppi problemi e comunque almeno hai ottenuto dei risultati dall'altra parte! stai attenta però .. prendi le medicine e fai come ha detto la dottoressa!! un abbraccio ..

    RispondiElimina
  7. ciaoo sono una nuova follower :-) mi spiace per la pressione ma vedrai che con il faramco migliorerà! un bacione e seti va di iscrioverti al mio blog e di seguirci a vicenda mi farebbe piacerissimo! PS sul mio blog c'è ancora un gift away aperto :-)

    RispondiElimina
  8. eh si, hai visto che alla fine ci si abitua?

    RispondiElimina
  9. per la dieta complimenti!!! In effetti all'inizio è dura ma poi ci si abitua e quando arrivi al traguardo puoi anche concederti qualcosa ogni tanto (perchè la vita senza nessun piacere è troppo triste). Riguardo l'ipertensione, capisco le tue remore nei confronti della pasticca, ma a volte è il male minore. Ormai sono pasticche ti routine (purtroppo) e non è detto che ti diano fastidio. Mentre la pressione alta può dare grossi problemi, fai attenzione mi raccomando! Un bacione

    RispondiElimina
  10. @Francesco temo che nella vita ci si possa abituare quasi a tutto, anche a realtà assai peggiori di questa. Dalla mia parte ho il fatto che sono determinata (almeno se si parla di salute) e se decido di fare una cosa stai sicuro che non torno indietro.

    @Dony grazie :) non è ancora ipertensione ringraziando il Cielo ma la mia dottoressa è preoccupata perché entrambi i miei genitori sono ipertesi e questi son problemi che si tramandano con felicità.

    Bacioni a tutti e grazie. Un saluto alla nuova arriva, elisa!

    RispondiElimina
  11. Anche io tendo ad avere la pressione alta. E' una vera scocciatura

    RispondiElimina