sabato 12 maggio 2012

Viola



La bimba della mia amica è nata. 
E' uno scricciolo. Leggera e minuta come la mamma. E bella, bella, bella. Delicata e soffice come solo i neonati sanno essere.

E' strano vedere le coetanee sposarsi e fare figli. Strano vedere che sono ormai diventate donne. E che per forza di cose, dunque, dovrei esserlo anche io.
E si, magari lo sono già una donna e non me ne sono ancora resa conto.

Io e lei eravamo insieme sui banchi di scuola. E ora ci ritroviamo su altri banchi, quelli della vita.
Quando mi dicevano che la vita è una ruota la reputavo una frase da vecchi. Però crescendo se ne comprende la veridicità. Io e lei non siamo più quelle ragazzine che al sabato andavano al catechismo e che durante la settimana si riunivano per fare i compiti. Siamo due ragazze di 26 anni che pian piano trovano il loro posto nel mondo.

13 commenti:

  1. I banchi della vita sono la prova più importante.
    Non c'è nulla che tu "dovresti essere". La scelta di mettere o meno al mondo dei figli è personale e individualissima, ci sono tante persone che non desiderano diventare genitori. Io non li giudico assolutamente, non mi permetterei mai, ognuno fa quello che sente, in sintonia con le sue esigenze profonde, con la sua storia. Però tra me e me mi dico: -Non sanno quello che si perdono.-
    Perchè avere un figlio può spaventare; le responsabilità, i sacrifici, le dosi massicce e infinite di pazienza che occorrono, le privazioni, di certo pesano e un po' fanno soffrire.
    Ma generare un piccolo essere,e proteggerlo, e coccolarlo,e amarlo, e stringerlo addormentato tra le braccia, è qualcosa di unico, una gioia pura e infinita, una gioia che vale più di tutte le ricchezze e delle soddisfazioni del mondo, e che ti ripaga di tutto!!!!
    Mille e mille volte ripartorirei mia figlia,la più grande gioia della mia vita,il mio amore, la mia luce!!!...
    Tantissimi auguri alla neomamma e alla principessina da parte mia!
    p.s. non preoccuparti, secondo me la tua strada l'hai trovata, sei una ragazza intelligente e di certo molto matura, ogni cosa a suo tempo!
    un bacio, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. Tanti auguri a Viola ed alla sua mamma.
    ...io che sono più grande di te mi rendo conto che la ruota ogni tanto girando accelera e questo mi lascia sempre un po' di stordimento.

    RispondiElimina
  3. ciao dametta, ti ho un minimo risposto da me sulle tue considerazioni....

    come ho scritto non occorre generalizzare: ho scritto ad esempio che gli uomini sono dei coglioni, ma è ovio che non tutti gli uomini sono coglioni. però credo inutile essere ipocriti: le donne, molte donne, hanno capito che l'avvenenza e la disponibilità siamo un valore aggiunto, un tornaconto. l'esempio è quello delle olgettine o della Minetti: sono prostitute (pardon, si chiamano escort) ma non se ne vergognano, anzi lo "gridano" ai 4 venti, quando un tempo lo si era ma si cercava di nasconderlo.

    oppure guardiamo a tutte le mie amiche che regolarmente tra un brvo ragazzo non esuberante ma il bello e dannato scelgono quest'ultimo salvo poi prendersela amaramente in quel posto.

    e di esempi ce ne sono tanti e ancora tanti. poi certo ci sono moltissimi esempi positivi. ma io da uomo i difetti titpici del genere maschile non li vado a nascondere, e soprattutto non farei una difesa di genere del mio genere stesso, come invece fanno alcune donne. le donne come Trilly o la mia ex che hanno scritto/detto che la maggior parte delle donne sono scarse sanno perchè lo dicono..... magari riflettici un pò anche tu....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu per primo hai generalizzato parlando di scarsezza delle donne. Non di quelle donne.

      E no, non ci rifletto. Proprio perché non generalizzo e perché non voglio far parte di quelle donne che contro le donne ci vanno per partito preso. Magari si sentono superiori, migliori, chissà. Ci saranno tante, tantissime donne come quelle che hai elencato. Ma ne conosco tante splendide che proprio non meritano di essere etichettate scarse solo perché appartengono allo stesso genere delle altre.

      Elimina
  4. fantastica, difficile, impegnativa avventura trovare il proprio posto nel mondo!

    bello avere amici di così lunga data con cui condividere la ricerca e che in qualche modo diventano testimoni del nostro percorso!

    benvenuta Viola! e un bacione a TE
    emme

    RispondiElimina
  5. @Irene parlavo dell'esser donna, non del dover essere madre. Questo è per me un argomento lontanissimo, ora come ora. Ma sono davvero felice che tu sia così orgogliosa del tuo essere mamma, è davvero bello da sentire.

    @Agrimonia a volte fa delle accelerazioni che non possono non stordire! un bacio.

    @emme lei è un'amica alla quale vorrò sempre bene, ma purtroppo ci vediamo poco. Io lavoro, lei ancora studia e poi è sposata ed ora ha la bimba.In compenso, il sentimento è rimasto lo stesso di allora. Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Se ci sara' la volonta' e il destino,un giorno tocchera' anche a te,basta non avere fretta come quella gatta che frettolosamente ha partorito i micini ciechi,ma e' solo un proverbio,naturalmente!

    Ciao

    RispondiElimina
  7. auguri alla tua amica allora..
    ti confido una cosa se avro' una bambina in futuro la chiamero' viola...mi piacerebbe diciamo...poi non si sa...^^

    RispondiElimina
  8. anche per me è una sensazione strana.... io sono la prima ad essersi sposata ma pian piano le altre stanno tutte facendo grandi cambiamenti... è emozionante e fa paura :)

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. scusa per i commenti eliminati... il server fa capricci e ha postato tre volte lo stesso commento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No problem, grazie mille per essere passata :)

      Elimina